Osservatorio senior e il volontariato professionale

Osservatorio senior e il volontariato professionale

Osservatorio Senior parla di VSP, dei volontari e delle loro motivazioni.

Su Osservatorio Senior trovate inoltre le novità sulle ricerche e sulle pubblicazioni riguardanti i vari aspetti del mondo senior. Esperti, associazioni, università terza età, siti, testate on line e blog dedicati ai senior. Vengono favoriti lo scambio di informazioni, segnalazione reciproca di comunicazioni, partecipazione ad iniziative comuni.

osservatorio-senior-logo

Share
Read More

Esperto in pedagogia musicale Congo

Esperto in pedagogia musicale Congo

TicketNr: 641
Description of the Requirements Revival of musical education at the National Institute of Fine Arts (KININA), Kinshasa, Congo Démocratique
Project Duration: from 3 up to 8 weeks
Details on expertise Specialist in music pedagogy with academic Background for College Education
Type of Client Public Sector
Sector Other (specify above)
Project Details The National Institute of Fine Arts urgently needs a specialist in musical education for the following tasks:
– further education of local music teachers
– intensive training of students and dons in one or more of the following
areas:
Piano, violin, guitar, chant , ethno-music
Expected Project Start Date 01/07/2016
Duration (weeks) 8
Project Location Africa, Democratic Republic of Congo, Kinshasa

Share
Read More

VSP in Ucraina per sostenere le SME

VSP in Ucraina per sostenere le SME

Agenda

 

First Ukrainian Forum “Instruments of technical and finacial support

of small and medium businesses”

The Ukrainian Chamber of Commerce and Industry

DSCN2877

La cattedrale di Santa Sofia, il cuore spirituale dell’Ucraina con il monastero della Lavra, la madre dei monasteri russi, che domina la città di Kiev sede dell’evento.

 

L’evento

La Camera di Commercio Ucraina di Kiev ha organizzato, nel febbraio scorso, il 1° forum dedicato all’utilizzo degli strumenti e supporti finanziari alle piccole e medie imprese.

Alla luce delle decisioni dei principali enti finanziari occidentali  di sostenere la crescita economica dell’Ucraina che beneficerà, come pochi altri paesi nella storia, di ingenti investimenti nei prossimi anni, la Camera di Commercio ha voluto presentare tutti gli strumenti messi a disposizione da enti e istituzioni pubbliche internazionali di cui potranno beneficiare le piccole e medie imprese ucraine.

Ricca l’agenda della giornata durante la quale si sono succeduti i vari rappresentati di istituzioni e asssociazioni internazionali.

Partecipanti

Hanno partecipato più di 350 associazioni di imprenditori, imprese, enti non governativi Ucraini, organizzazioni di supporto per lo sviluppo (NGO e BSO), Ministri e autorità Ucraine, 4 Camere di Commercio locali, ambasciate straniere, media e associazioni di volontariato straniere.

Nello specifico, i programmi e i progetti di cui beneficeranno le imprese Ucraine sono stati presentati da :

  • Il delegato UE dell’Ucraina
  • UNIDO
  • United Nations Development Programme in Ucraina
  • USAID (LEV)
  • EBRD (Banca Europea per lo sviluppo e la ricostruzione)
  • Sei banche di interesse nazionale Ucraine

pubblico3

Tutti hanno evidenziato come sull’Ucraina stiano convergendo finanziamenti atti ad avvicinare il paese all’Europa per consentire di svilupparsi e integrarsi con gli altri paesi europei.

La scaletta degli interventi:

Agenda

pubblico1pubblico2

 

 

 

 

 

 

 

Il ruolo delle associazioni di Volontari Senior Professionali 

Al forum sono state invitate anche 4 fra le associazioni europee più attive nell’ambito del sostegno e sviluppo alle imprese. Hanno presentato le loro attività e i loro programmi per sostenere le SME in questo paese.

Tutte le associazioni presenti sono partner di VSP all’interno del CESES.

La SES tedesca, che ha organizzato presso la propria sede di Bonn l’ultima riunione europea del Ceses, è molto simile per caratteristiche a VSP, ma molto più grande e può contare su migliaia di volontari (attualmente perlopiù impegnati nell’integrazione dei rifugiati Siriani in Germania). In Ukraina ha un rappresentante fisso che sviluppa qualche decina di interventi allanno.

La PUM olandese è la più attiva nel paese avendo sviluppato nel corso del 2015 circa 70 missioni in tutto il territorio Ukraino. Può contare su diversi rappresentanti sparsi per tutta l’Ucraina.

La Swisscontact per quanto attiva non sviluppa quanto SES e PUM.

20160218_162704

I rappresentanti delle 4 associazioni di esperti volontari senior europei :

Irina Kovtun per SWISSCONTACT Svizzera, Martin Reuther per SES Germania, Pietro Statsenko per PUM Olanda e Gianmaria Scapin per VSP Italia

Con queste credenziali si sono presentate al forum godendo di alta credibilità per il lavoro svolto fino ad oggi.

VSP non attiva come i suoi predecessori ha presentato la sua storia trentennale e il suo interesse a mettere a disposizione le sue competenze e i suoi professionisti senior per sostenere i vari soggetti.

Fra i tanti aspetti quello che è emerso è il problema della lingua che i volontari dovranno affrontare nel corso delle loro missioni.. E’un problema comune in quanto nel paese le uniche due lingue conosciute e praticate sono l’ucraino e il russo. Pertanto come le altre associazione anche gli esperti di VSP che via via si alterneranno nel paese  saranno affiancati da traduttori per svolgere le loro attività.

Il ruolo che VSP si appresta a giocare in questa partita può essere molto interessante e dipenderà da quanto l’associazione sarà in grado interloquire con i vari protagonisti: imprenditori locali, enti, associazioni, governo e rappresentanti italiani.

DSCN2830

Il rappresentante italiano VSP Gianmaria Scapin presso il desk, messo a disposizione della Camera di Commercio di Kiev, per ricevere gli imprenditori e le delegazioni regionali ucraine.

 

Risultati e follow up

Molto interesse da parte degli imprenditori e degli enti ragionali ucraini nei confronti dell’associazione italiana VSP.

C’è una immagine favorevole legata all’Italia che può indubbiamente favorire gli interventi di VSP.

VSP può contare oggi sul sostegno della Camera di Commercio di Kiev e dei suoi funzionari.

Per conoscenze e competenze VSP ha stabilito relazioni con figure professionali che possono contribuire a far conoscere, e quindi utilizzare, l’associazione all’interno del paese cosi come accadde, negli ultimi anni, in l’Albania.

Ucraina situazione generale e guerra in corso.

E’ importante considerare lo scenario geopolitico in cui ci si andrà a muovere perché influenzerà anche l’attività di VSP.

ucraine_etniche_corretta_5002

Secondo la visione di alcuni la guerra nel Danbass è tenuta invita e incoraggiata da Putin esclusivamente con l’obiettivo di avere due regioni autonome rappresentate all’interno del Parlamento Di Kiev. La Russia non ha alcuna intenzione di annettersi queste due regioni come ha fatto, invece, con la Crimea la cui importanza strategica e storia è ben nota.

carroarmato

 Carro armato in piazza a Kiev.  (foto Gianmaria Scapin)

Pertanto fintanto che i separatisti non realizzeranno che sono lasciati soli a combattere, per rimanere di fatto all’interno della repubblica Ucraina, la guerra andrà avanti. Il paese avrà quindi sempre un’area altamente instabile influenzata dai russi. Questo rappresenta un freno allo sviluppo dell’intero paese anche se, logisticamente, le due regioni coinvolte sono ai confine orientali e gli scontri molto vicini al confine e pertanto non influenti ne resto del paese

Ma è la prospettiva a preoccupare. Quella cioè di mantenere in seno all’Ukraina regioni fortemente legate all’impero russo e pertanto destabilizzanti per l’intero paese.

20160220_111221

20 febbraio 2016. Ultranazionalisti ucraini, al mattino presto, davanti alla ex statua di Lenin, da loro stessi abbattuta il 9 dicembre 2013, riuniti prima di dirigersi verso Maidan  luogo  simbolo  della rivoluzione del 2014 dove, nella stessa giornata, distruggeranno un hotel come riportato dalle cronache.(foto Gianmaria Scapin)

 

A mio avviso oltre a questo conflitto interno l’Ucraina soffre di un livello di corruzione palpabile. Valga ad esempio il parco auto sproporzionato di una parte della popolazione (dalle Escalade all’Aston Marin alle Lamborghini e alle migliaia di Range Rover nuove fiammanti per finire con le Porsche Cayenne) rispetto agli stipendi medi.

Lo stipendio medio oscilla fra i 150 e 200 euro al mese, pertanto, la possibilità, per alcuni, di permettersi l’acquisto e la gestione di capitali cosi importanti non può che derivare da flussi di denaro ambigui.

Tanto che il Fondo Monetario internazionale intende sospendere gli aiuti promessi fintanto che non cesserà questo sistema corruttivo. A tutti noi contribuenti del fondo darebbe fastidio vedere che i soldi prestati finissero nelle mani di pochi oligarchi.

E sotto questo aspetto basta ricordare le recenti dimissioni, febbraio 2016, dei ministro dell’economia lettone, voluto dalle istituzioni internazionali, per sviluppare delle riforme che consentissero di impedire al sistema corruttivo di intercettare le risorse finanziarie destinate allo sviluppo.

Anche il presidente proprio recentemente, 20 febbraio, ha chiesto al Parlamento di licenziare il Primo Ministro Janukovic la cui popolarità dopo i fatti/rivoluzione di Maidan è scesa ai minimi storici.

Diciamo che oltre all’incapacità del personaggio in questi ultimi mesi l’Ucraina ha visto aumentare sensibilmente i costi a causa di una svalutazione della sua moneta (Vrina). A parità di salari questo ha comportato un impoverimento di tutta la popolazione.

 DSCN2840A due anni esatti dalla rivoluzione di Maidan vengono commemorati i caduti a cui sono state dedicate le lapidi con le immagini.  (foto Gianmaria Scapin)

 

Azioni

VSP oggi è una delle è una delle 4 organizzazioni europee accreditate e presenti nel territorio Ucraino per contribuire allo sviluppo economico del paese sostenendo le piccole e medie imprese. Ma VSP a differenza delle sue omologhe  è l’unica a non avere, per il momento, il sostegno del suo Governo.

Le opportunità per l’Italia che il Governo e il Ministero degli Esteri potrebbero consentire attraverso il sostegno dei volontari VSP sono molteplici a partire da:

  1. Creare opportunità per l’Italia, come sistema paese, non solo per il prestigio, ma concretamente per tutti gli attori coinvolti (professionisti, imprese, istituzioni);
  2. Fornire delle opportunità di lavoro ad imprese italiane che beneficerebbero dell’ intervento dei volontari italiani
  3.  Le iniziative e gli interventi avrebbero molteplici impatti positivi sia all’ interno del nostro paese in termini di maggiore occupazione e aumento del Pil;
  4. Partecipare all’ utilizzo dei fondi Europei che saranno riversati sull’ Ucraina e che finora hanno visto beneficiare solo Germania, Olanda, Belgio, Svizzera. Per la miopia del Governo rischiamo di essere ancora una volta tagliati fuori da tutti i finanziamenti di cui andranno a beneficiare gli altri Paesi.
  5. Non ultimo offrire delle opportunità di occupazione, inteso come impiego del proprio tempo,  a quella fascia di popolazione senior che oggi più che mai soffre nel mercato del lavoro.
22 Marzo 2016
Gianmaria Scapin
Board member VSP

Video evento

 

Share
Read More

Notizie incoraggianti per i soci VSP dal Workshop Ceses tenutosi a Bonn.

Notizie incoraggianti per i soci VSP dal Workshop Ceses tenutosi a Bonn.

Come evidenziato nel titolo si aprono nuovi orizzonti e nuove prospettive per i soci VSP che intendono svolgere missioni all’estero in futuro.

Ceses

Exchange of Experts among

CESES Memebers

Meeting in Bonn

SES premises, Kaiserstr.185-197

October 21, 2015

Sede del Workshop la città di Bonn

Piazza principale di Bonn con i suoi tipici campanili

Il 21 ottobre 2015 presso la sede del SES, l’organizzazione tedesca, si è svolto il Workshop dedicato alle organizzazione europee di volontari esperti professionisti che mettono a disposizione il loro know how per la realizzazione di progetti sia all’interno dell’Europa che in ogni altro paese del mondo, facenti parti del Ceses.

Al meeting erano presenti esponenti, a vario titolo, delle organizzazioni di  Belgio, Francia, Germania, Olanda, Austria e Lussemburgo oltre al presidente Jacques Van Egten e al delegato a Bruxell Dr. Michel Stavaux.

               Present:

                Gianmaria Scapin, VSP Italy

                  Michel Stavaux, CESES

                  Kurt Streitenberger, ASEP, Austria

                  Philippe Thevenet, ECTI, France

                  Jacques Van Egten , CESES

                 Thijs  Van Praag,  PUM, Netherlands

                  Roland Waeyaert, exchange, NZW, Belgium

                  Emile Walch, LSE , Luxemburg

                  Susan Hübner, SES, Germany

                  Bettina Hartmann, SES, Germany

                  Gisela Lange, SES, Germany

                   Susanne Nonnen, SES, Germany

Excused: SEC Switzerland, OTECI France, SECOT Spain

Workshop Ceses presso il Ses a Bonn

Workshop Ceses presso il Ses a Bonn

Present Organizations structure&operation:

  • Exchange, Flanders, 1300 experts, 250 missions mostly in Sub-Saharan Africa,

Sectors: private entrepreneurship

  • ASEP 95% of missions inside Austria, 2 projects outside Austria

Sectors: local business

  • SES Germany, 12 000 experts, 1700 missions abroad ( Asia, Eastern Europe, Latin America, Africa, Maghreb), 3.100 assignments in Germany, VerA and schools)

Sectors: SME support, vocational education and health,

180 voluntary representatives abroad for acquisition

  • LSE Luxemburg 150 experts who speak at least 3 languages

Sectors: engineering, energy, environment

  • ECTI and AGIR, France 2400 experts, 300 missions abroad (Maghreb, Latin America, China) 10000 in France

Sectors: 70% business, 30% training

  • PUM Netherlands 3200 experts, 2000 missions in 70 countries

L’Italia era presente con la Vsponlus, rappresentata da Gianmaria Scapin in qualità di board member, che ha illustrato ai responsabili delle altre organizzazioni europee il ruolo svolto da VSP nei suoi 25 anni di storia.

Si è enfatizzato l’efficacia di VSP in tutti questi anni nei quali, grazie al contributo dei suoi volontari, si sono portate a termine centinaia di missioni in più di 30 paesi nel mondo, la maggior parte delle quali, per conto delle Nazioni Unite.

Alla luce della sua esperienza e, in particolare, di quella dei suoi volontari, VSP, attraverso il suo portavoce, si è resa disponibile a partecipare ai progetti internazionali che, via via nel prossimo futuro vedranno impegnate le associazioni che fanno parte del Ceses, coinvolgendo i suoi volontari.

Gli argomenti affrontati nel corso del workshop:

1. Presentazione dei progetti

2. Selezione dei candidati

3. Uso della piattaforma comune Ceses

4. Varie

1.Presentazione progetti. Si è convenuto che tutti i progetti che verranno condivisi avranno lo scopo di consentire ai volontari di ogni associazione di candidarsi per prestare la propria expertise al servizio del progetto. Il ruolo del Ceses sarà quello di interfacciarsi con la Commissione Europea per individuare i progetti che riterrà compatibili con le expertise appartenenti alle associazioni aderenti. Il Ceses non ha e non avrà esperti da sottoporre ma saranno le singole associazioni a proporre gli esperti. Il Ceses potrà, in taluni casi, farci mentor del progetto al solo scopo di garantirne la realizzazione attraverso la partecipazione delle associazioni aderenti. Il ruolo del Ceses è stato ulteriormente messo in luce definendo gli ambiti di intervento e di manovra confermando il suo ruolo di Confederazione che farà da ombrello per tutte le necessità delle varie organizzazioni aderenti gestendo per i vari progetti, attraverso la piattaforma condivisa, il match fra progetto e candidato volontario presentato dalle singole associazioni.

2.Criteri di selezione dei volontari candidati. Si è chiarita la figura del professionista volontario senior la cui identità è mutata nel corso degli anni, in particolare negli ultimi anni. Non più il retired classicamente etichettato ma un individuo la cui ètà può scendere ulteriormente rispetto ai limiti posti dalla pensione in virtù delle mutate condizioni del mercato del lavoro. Indicativamente l’ètà oscillerà fra i 50 e 72 anni con eccezioni dovute ai singoli casi. Fondamentale che egli abbia almeno 15 anni di esperienza nel ruolo ricercato e che svolga la sua attività Pro bono. L’associazione presenta il proprio candidato il cui CV verrà inserito all’interno della piattaforma Ceses indicando il progetto al quale si intende partecipare. La selezione inizierà con la disamina del CV e successivamente attraverso un intervista via web nella lingua inglese con approfondimento della lingua richiesta nel progetto. Gli elementi determinanti saranno la Key Qualifications. Si auspica che i criteri di selezione dei volontari in ciascuna organizzazione siano quanto più omogeni fra loro. Ogni socio di VSP, se disponibile a partecipare a progetti proposti dal Ceses o da uno dei loro associati, consentirà l’invio del CV che dovrà contenere come minimo due lingue conosciute (italiano e inglese) oltre a quella richiesta dal progetto. L’intervista da parte dell’ente proponente. Eventuale training or coching prima di partire per la missione.

3. Uso di una piattaforma comune fra tutte le associazioni di professionisti volontari senior. Si è tracciato l’iter che dovrà essere rispettato per l’invio dei CV dei volontari che si renderanno disponibili sul singolo progetto che dovrà essere quanto più omogeneo a livello europeo. Per accedere alla piattaforma ogni organizzazione registrata avrà una sua uid e una ps. Nella piattaforma troveranno spazio: I progetti, i CV dei candidati e le attività svolte dal Ceses.

4. Varie. Aspetti di rilevante interesse emersi durante il workshop.

Il ruolo complesso dei volontari esperti senior nei confronti dei rifugiati. La delegata del SES ha evidenziato che più di 3.000 volontari appartenenti alla sua organizzazone sono oggi impegnati nell’attività a favore dei rifugiati attraverso varie forme di integrazione. Queste attività fianziate per lo più da privati sotto l’egida del Ministero Tedesco dell’Istruzione che richiede per adempiere a questa funzione Senior Experts. Tutte le attività mirano a facilitare l’integrazione dei rifugiati per i quali si sono create più di 300 classi in tutto il paese la maggior parte delle quali dedicate ai bambini e ai giovani. Segnaliamo che lo scopo principale delle attività del SES è di svolgere missioni all’estero ma vista l’emergenza e la volontà degli sponsor di utilizzare i loro contributi all’interno del paese Germania va da se che l’utilizzo dei volontari sia in questa fase dedicato per lo più all’interno dei confini tedeschi. Il tema dei rifugiati, si è convenuto, può essere affrontato in due modi. Uno è quello che sta svolgendo la Germania, ovvero, l’integrazione nel proprio paese e attraverso una preselezione cioè si scelgono quelli che si ritiene potranno meglio integrarsi per livello di istruzione innanzitutto. L’altro attraverso attività formative nei paesi di provenienza che tendano a migliorare le capacità e competenze dei singoli individui per sfruttare al meglio le risorse disponibili in loco. C’è una terza via che si sta affacciando all’orizzonte ed è quella della circolarità del migrante detta anche “Circle Migration”. Si scelgono i migranti da importare nel proprio paese li si forma con le strutture avanzate di cui il paese è dotato e li si accompagna al paese di provenineze affinchè mettano in pratica le conoscenze acquisite. In questo il Volontario esperto giocherà più ruoli su più campi compresa l’ultima fase: la missione all’estero per sostenere il migrante nella fase più delicata.

Last but not lest. Segnaliamo, per concludere, che dal Workshop è emerso che si stanno affacciando sul mercato mondiale organizzazioni che chiedono quote di iscrizione sostanziose ai volontari (intorno ai 5.000 euro l’anno). L’azzardo, se così vogliamo definirlo, sembra andare nella direzione di soddisfare il bisogno di sentirsi utile e impegnato dopo la fine del periodo lavorativo. Qualcuno si deve essere accorto che anche per fare il volontario, dedicando il proprio tempo al servizio degli altri per di più avendo delle competenze da mettere a disposizione, in questo mondo in rapida trasformazione, non sia per niente facile.

Alcuni momenti del Workshop presso la sede del SES a Bonn

Sede SES a Bonn

Bonn riunione2

 

Elenco delle associazioni aderenti al Ceses :

– AGIR (Fr) – Association Générale des Intervenants Retraités pour des Actions Bénévoles de Coopération et de Devéloppement abcd, Paris APCS (P)

– Associaçao Portugesa de Consultatores Seniors, Lisboa ASEP (A)

– Austrian Senior Experts Pool, Wien SWB (DK)

– Senior Without Borders, Holbeak ECTI (FR)

– Professionnels Seniors Bénévoles a.r.u.p., Paris Ex-Change (BE)

– Ex-Change vzw, Wommelgem ISES (IT)

– Italian Senior Expert Service, Torino LSC (LU)

– Luxembourg Senior Consultants a.s.b.l., Luxembourg NESTOR (FI)

– NESTOR Partners ry, Helsinki OTECI (FR)

– Office Technique d’Etudes et de Coopération Internationales, Paris PUM (NL)

– PUM Netherlands Senior Experts, Den Haag SECOT (ES)

– Seniors Españoles para la Cooperación Técnica, Madrid SEC (CH)

– Senior Expert Corps, Swiss Contact, Zürich SENIORES (IT)

– Seniores Italia, Partner per lo Sviluppo , Roma SES (DE)

– Senior Experten Service, Stiftung der Deutschen Wirtschaft für Internationale Zusammenarbeit GmbH, Bonn VAE (ES)

– Voluntaris en Assessoria Empresarial, Barcelona VSP (IT)

– VSP, Volontari Senior Professionali Onlus, Torino

Share
Read More

Cercasi esperto prodotti chimici per costruzioni – Izmir, Turchia

Cercasi esperto prodotti chimici per costruzioni – Izmir, Turchia
TicketNr: 644
Description of the Requirements Production of concrete admixtures chemicals
Details on expertise Expertise to develop products for construction chemicals 
Concrete admistures production 
Grinding aids development 
Performance enhancers to improve cement strength 
Mould release oils and mixer protection lubricants
Type of Client Medium Business
Sector Production
Project Details All costs ( transport and accomodation ) covered by applicant
Expected Project Start Date 01/09/2016
Duration (weeks) 2
Project Location Izmir Turkey
Additional Information
Additional Documents

 

Share
Read More

Cercasi Manager settore bevande distillate – Kigali, Rhuanda

Cercasi Manager settore bevande distillate – Kigali, Rhuanda
TicketNr: 642
Description of the Requirements Qualification of the local staff in the production of distillates in theory and practice
Details on expertise distillery manager
Type of Client Small Business
Sector Training of skilled labour
Project Details Production of fine spirits such as whisky and Vodga
Expected Project Start Date 01/07/2016
Duration (weeks) 8
Project Location Africa, Rhuanda, Kigali
Additional Information
Additional Documents 1_RFA_RW-DESTILLE.pdf
2_RFA_Zusatzinformationen_Materialliste.pdf
Share
Read More

VSP ricerca esperto Aluminiium Extrusion Bulgaria

Request Details
TicketNr: 639
Description of the Requirements Productivity and Quality improvements in aluminium rolled and extruded products
Details on expertise Aluminiium Extrusion Die correction ( including maintenance and storage )
Extrusion process improvements to avoid defects
Aluminium Profile anodizing process :optimisation and crtical assessment of purification station
Powder painting process capacity and quality improvement
Type of Client Medium Business
Sector Production
Project Details All costs of the expert covered transport and local costsPorject start date flexible to be defined
Expected Project Start Date 01/07/2016
Duration (weeks) 2
Project Location Bulgaria
Additional Information Four extrusion presses 600/1300/1800/2000 tons and in the process to acquire a 2500 tons press
Anodising and powder painting line
Precision cutting to length: CNC Machining
Share
Read More

Esperto redazione di un Business Report – settore chimico – Ethiopia

Esperto redazione di un Business Report –  settore chimico – Ethiopia
TicketNr: 640
Description of the Requirements Baseline Survey for Chemical and Construction Input Industry : Basic chemical and related, Plastic and Rubber, Soap, Detergent and Paint as well as Wood Industry
Details on expertise Develop a comprehensive, standardized, updated and relevant national chemical and related industry baseline survey report to facilitate development of important interventions suitable for sustainable and safe industrial growth.
Type of Client Public Sector
Sector Industrial training
Project Details • Preparing of survey instruments for collecting industrial baseline survey report on chemical and related as well as construction input
• Approving of survey instruments by MOI, CCIDI and relevant stakeholders
• Conduct primary data collection on relevant industrial data. 
• Consult industry actors and stakeholders in Ethiopia.
• Consult with Ministers and Senior Officials involved with Chemical and Construction Input in Ethiopia including Institutes (CCIDI, etc), Departments and Corporations etc.
• Organize and conduct focused group workshops and seminars.
• Prepare and revise reports.
Expected Project Start Date 01/06/2016
Duration (weeks) 10
Project Location Ethiopia
Additional Information Request received via the EU Technical Cooperation Facility in EthiopiaThis instrument makes available medium- and short-term expertise to provide support for preparing and implementing projects and programmes. It may also support short-term training activities for ACP staff, and allows for participation by ACP staff or non-state actors in international meetings or seminars on development or commercial issues.Chi è interessato può inviare la richiesta a  vsp.torino@volontariato.torino.it
Share
Read More

VSP cerca esperto in “botton mushroom production” – Ruanda.

VSP cerca esperto in “botton mushroom production” – Ruanda.
Request Details
TicketNr: 638
Description of the Requirements Qualification of the staff in cultivating button mushrooms
Details on expertise Expert should be fully skilled and experienced in botton mushroom productionTraining of unskilled labour and skilled labour
Type of Client Small Business
Sector Other (specify above)
Project Details A private enterprise will start producing a new mushroom species (botton mushroom). The botton mushroom business is the key to sustainability for the mushroom farm. The goal is that the local staff can manage autonomously the button mushroom farm. A South African consultant has supported the production in the first few months of this year.
Expected Project Start Date 15/06/2016
Duration (weeks) 12
Project Location Africa, Rwanda, Kigali
 APPROFONDIMENTI  396.547.2_RFA_Zusatzmaterial_RW-MUSHROOM
Share
Read More

Richiesta volontario per la Moldova

Richiesta volontario per la Moldova
Request Details Contact Person
TicketNr: 634 Full Name Andre Preuss
Description of the Requirements The manufacturers of plant extracts, suppliers and consumers of cold pressed oils, bread and bread products and confectionery products, will modernize the equipment for the processing of grapes cores E-mail Click here
Details on expertise The expert should have experience in preparation of the grapes cores for further production and extracting process. Telephone +49 228 26090-3507
Type of Client Small Business Mobile N/A
Sector Plant organisation Organisation SES
Project Details The manufacturers of plant extracts, suppliers and consumers of cold pressed oils, bread and bread products and confectionery products, will modernize the equipment for the processing of grapes cores.The new plant uses natural gas.Increase of the product sales, reducing the cost and thus increase the competitiveness of the raw material and to achieve the required quality.
Expected Project Start Date 04/04/2016
Duration 3 weeks
Project Location Europ, Cazaclia, Republik Moldau
Additional Information Further and more detailed Information can be provided by the Department Manager in charge.
Additional Documents 1_RFA_MD-CDMASLOMO_Organigr_r.docx
2_RFA_MD-CDMASLOMO_d.docx

 

Gli interessati sono pregati di mettersi in contatto con la sede inviando una mail  di disponibilità.
Il CV sarà inserito nella piattaforma Ceses e valutato dal committente. Se ritenuto conforme verrà effettuato il colloquio via web/telefonico.
Share
Read More

PROGETTO “VOI-NOI E IL LAVORO”

PROGETTO “VOI-NOI E IL LAVORO”

5479S_lezione_video

PROGETTO “VOI-NOI E IL LAVORO”
26 Feb 12.11
Per gli allievi e le allieve il momento dello stage è il vero banco di prova del percorso di formazione: si tratta di mettersi in gioco sul serio, con tutti i dubbi e le insicurezze personali che un’esperienza nel mondo del lavoro inevitabilmente produce.

Per affrontare con più consapevolezza questo momento, all’EnAIP di Grugliasco da due anni sono arrivati in aiuto alcuni volontari esperti del mondo del lavoro: Fulvio Valerio, Teodoro Valerio, Vittorio Musso, Marco Briscese, Carlo Filippa, Beppe Fontana,  Massimo Blotto, Piero Nilo e Ada Pasero, dirigenti, professionisti, tecnici, docenti universitari che, dopo una vita spesa nel mondo del lavoro, desiderano mettere questo prezioso patrimonio personale gratuitamente al servizio dello sviluppo altrui.
L’associazione di cui fanno parte, la VSP onlus (Volontari Senior Professionali –www.vsponlus.org), contattata dalla formatrice e referente per i servizi al lavoro Serenella Zappata, ha progettato appositamente per gli studenti di Grugliasco, in collaborazione con EnAIP, un corso di sei lezioni, da due ore l’un,a denominato “VOI – NOI E IL LAVORO” per approcciarsi al mondo del lavoro, affrontando tematiche come i cambiamenti, il rapporto con capi e colleghi, la solidarietà e il gruppo, la cultura aziendale, la sicurezza e arrivando alla simulazione del colloquio di lavoro, grazie a cui gli studenti si metteranno alla prova, a breve, con più serenità, avendo ricevuto un feedback su atteggiamenti e comportamenti positivi e da migliorare.
Nei corsi dell’obbligo di istruzione 3A e 2B (idraulici), 2E (elettricisti) e 2T (operatori del turismo) e nei corsi del mercato del lavoro “FAL – Formazione al lavoro” indirizzi “Aiutante sala bar”, “Aiutante magazziniere pratico” e “Aiutante alla vendita grande distribuzione”, allievi e allieve hanno già ricevuto l’attestato di partecipazione, mentre il percorso sta per partire anche nel corso rivolto “Tecnico Commercio Internazionale” perché ascoltare e confrontarsi con ex dirigenti, professionisti e docenti ci fa capire che sui temi dell’orientamento al lavoro non si finisce mai di imparare.

5479_lezione_colloqui

Articolo presentato da Ente di formazione professionale En.a.i.p. 

 

5479S_attestato

5479_colloquio

Share
Read More